La Befana Trullallà

Trullalà Trullalà Trullalà.
La Befana vien di notte
con le scarpe tutte rotte,
con la calza appesa al collo,
col carbone, col ferro e l’ottone.
Sulla scopa per volare.
Lei viene dal mare.
Lei viene dal mare.
E la neve scenderà
sui deserti del Maragià,
dall’Alaska al Canadà.

E partire lei dovrà
e cantando partirà
da ciociara si vestirà,
con il sacco arriverà,
la bufera vincerà.
E cantando trullalà,
la Befana arriverà.
Trulallà Trullalà Trullalà.

Un bambino, grande come un topolino,
si è infilato nel camino,
per guardarla da vicino.
Quando arriva la Befana
senza denti
salta, balla, beve il vino.
Poi di nascosto s’ allontana
con la notte appiccicata alla sottana.

E un vento caldo soffierà
sui deserti del Maragià,
dall’Alaska al Canadà.
Solo una stella brillerà
e seguirla lei dovrà,
per volare verso il nord
e la strada è lunga
ma la bufera vincerà.

E cantando Trullalà,
la Befana se ne va.
E cantando Trullalà
Truallalero Trullalà
Trullalà Trullalà Trullalà

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. Il sito Coccole Sonore propone un archivio di testi con l’unico scopo di far conoscere a quante più persone possibile testi di canzoni e filastrocche italiane e internazionali.

Non tutti sanno che la canzone “La Befana Trulallà” è stata incisa per la prima volta da Gianni Morandi ed era la sigla del programma 10 Hertz, andato in onda su RAI 1 tra il 1978 e il 1979, e condotto dallo stesso Morandi. Gli autori del brano sono Paolo Dossena, Sergio Rendine e Roberto Viscarelli.