La tradizione popolare ci ricorda che “Din Don Campanon” ce la cantavano le nostre nonne facendoci dondolare sui loro piedi, proprio come un “campanon”. È per questo motivo che la troverete anche in varie versioni dialettali che ci piace riproporvi insieme alla traduzione. La gestualità di questa filastrocca, invece, piace molto ai bambini. Buon divertimento!

Din Don Campanon

Din don campanon
Quattro vecchie sul balcon
Una che fila, una che taglia,
una che fa i cappelli di paglia,
una che fa coltelli d’argento
per tagliar la testa al vento.

Dialetto bresciano – versione 1

Din don campanòn,
totè le ècè dè drè dèl dom:
gèna la fila
l’altra la cus,
l’altra la spèta ‘l so murus
‘l so murus l’è ‘n dat en piaza
a vedere chi chè pasa:
gh’ è pasat ‘ n omasì
cò la pipa dè stupì,
cò la pipa sotò ‘l nas,
la polenta la ghè piass,
la ghè piass cò l’è patàte
mèzè crudè mèzè còtè.

Traduzione

Din don campanòn,
tutte le vecchie dietro al duomo:
una fila
l’altra cuce,
l’altra aspetta il fidanzato
il fidanzato è andato in piazza
a vedere chi passa:
è passato un ometto
con la pipa di stoppa
con la pipa sotto il naso,
la polenta gli piace,
gli piace con le patate
mezze crude e mezze cotte.

Dialetto bresciano – versione 2

Din don campanòn,
töte le ècie le va al dòm.
Giönå la sùnå, n’otrå la càntå,
n’otrå la fa i capèi de pàiå,
n’otrå la fa i capèi de spì,
de mitìgå ‘n có a Gioanì.

Gioanì de la càpå rósså,
dim an po’ se la ta cóstå
“la ma cóstå quarànt’agn,
sö le stràde de Milà,
sö le stràde de Vèrunå,
là ‘ndó i pèstå l’èrbå bùnå.

L’èrbå bùnå l’è bén pestàdå,
Catarìna l’è ‘nnemoràdå.
L’è ‘nnemoràdå dèl barbér,
se l’è bèlå la tödaró,
se l’è brótå la sbataró.
la sbataró ‘n_dèl fosadél,
là ‘ndo càntå chél galél.
Chél galél che fa pìo pìo.

Traduzione

Din don campanòn,
tutte le vecchie vanno al duomo.
Una suona, un’altra canta,
un’altra fa i cappelli di paglia,
un’altra fa i capelli di spine,
da mettere in capo a Giovannino.

Giovannino dalla cappa rossa,
dimmi un po’ se ti costa
“mi costa quarant’anni,
sulle strade di Milano,
sulle strade di Verona,
là dove pestano l’erba buona

L’erba buona è già pestata,
Caterina è innamorata.
è innamorata del barbiere,
se è bella la prenderò in sposa,
se è brutta la butterò.
la butterò nel piccolo fosso,
dove canta quel galletto.
Quel galletto che fa pìo pìo.